Blog : Aggiornamenti

PARTNERSHIP CON SPH ENGINEERING, NUOVI PIANI PER IL FUTURO

Ileron & SPH Engineering hanno recentemente messo in programma uno studio condiviso volto a realizzare delle funzionalità inedite, per il rilievo fotogrammetrico, da implementare nel software UgCS entro l’anno 2019.

Il CTO della SPH Engineering di Riga, Alexey Dobrovolskiy, negli uffici Ileron

Ileron porta SAL Engineering all’ottenimento dell’autorizzazione BVLOS

SAL Engineering srl, tramite la nostra consulenza, riceve in data 17/09/2018 l’autorizzazione per effettuare attività di ricerca e sviluppo in condizioni di volo BVLOS da parte della Direzione Navigabilità dell’ENAC.

Le operazioni autorizzate, relative alla campagna di sperimentazione BVLOS dell’ENAC/ENAV, prevedono l’utilizzo di un APR ad ala fissa (MOD = 10 kg) in tre scenari operativi (rurale, costiero, montano) con distanza dal punto di decollo/atterraggio fino a 20 km.

Principali task svolti da Ileron:

  • Definizione delle procedure operative e dei criteri di valutazione del rischio.
  • Redazione del manuale delle operazioni, dei manuali di volo/manutenzione e del Piano di Esercizio EXE-BVLOS-SALEng-EXE-01.
  • Design degli spazi aerei e dei piani di volo.
  • Gestione dei modelli digitali di elevazione (DTM & DSM) per la navigazione terrain-following.

Documenti PDF allegati:

Conferita l’autorizzazione di pilota BVLOS al titolare Filippo Fiaschi

Nel contesto della sperimentazione dell’ENAC/ENAV finalizzata all’implementazione in Italia delle operazioni BVLOS, il titolare Filippo Fiaschi è stato autorizzato in data 13/07/2018 alla condotta delle prove di volo con APR ad ala fissa classe L (4 kg < MOD < 25 kg) nei termini approvati nel Piano di Esercizio EXE-BVLOS-SALEng-EXE-01.

Documenti PDF allegati:

Ileron scrive una pagina nella storia dell’aviazione unmanned

25 luglio 2017, Ileron ottiene dalla Civil Aviation Authority italiana, ovvero l’ENAC, l’autorizzazione in regime non geografico per compiere operazioni specializzate critiche, in condizioni VLOS, con APR avente massa operativa al decollo (MOD) minore di 25 kg. Le autorizzazioni o i permessi di volo (PdV) non geografici sono concessioni non legate ad una specifica area delle operazioni bensì alle sue caratteristiche in termini, ad esempio, di carico antropico.

L’autorizzazione “ad hoc” in oggetto prevede che la capacità di assicurare il livello di safety richiesto sia valutata dall’insieme dei contributi forniti dal SAPR, dal personale di volo, dalle procedure operative e di gestione dell’attività di volo, dal programma di manutenzione nonché da tutti gli altri elementi essenziali per stabilire che le operazioni possano essere eseguite in maniera sicura. Un aspetto interessante risiede nell’utilizzo del software UgCS che, consentendo un adeguato controllo del profilo di volo, permette il positivo mantenimento delle condizioni ammesse dall’analisi del rischio.

Per ottenere l’autorizzazione in regime non geografico è stato necessario completare un percorso molto complesso ed articolato: tre mesi di lavoro, comprendenti prove ed analisi, per la produzione di circa 400 pagine documentali a supporto della domanda; il procedimento è stato ideato e portato avanti utilizzando esclusivamente risorse aziendali interne.

La metodologia di analisi del rischio, di tipo quantitativo, da noi messa a punto tiene conto dell’affidabilità complessiva del sistema includendo implicitamente tutti i fattori di rischio legati al design ed alle operazioni. Essa prevede, con l’adozione delle necessarie mitigazioni, la possibilità di sorvolare zone con densità di popolazione a terra non nulla; ciò, anche grazie al fatto che – per la prima volta nella storia degli APR con MOD minore di 25 kg – Ileron è riuscita a dimostrare all’Autorità un failure rate/ora di volo dell’APR < 1.

La nostra metodologia inoltre, sia con i dovuti aggiustamenti, è pienamente conforme alle previsioni dell’Autorità riguardo le concessioni per gli APR, con MOD minore di 25 kg, operati in BVLOS (Beyond Visual Line of Sight) ovvero con MOD maggiore o uguale a 25 kg.

Il modello di rischio è applicato in funzione di una nostra procedura innovativa, approvata dall’Autorità, la quale permette di caratterizzare lo scenario operativo con il massimo grado di ergonomia ed immediatezza.

Press:

Documenti PDF allegati: